thumbnail Ciao,

L'attaccante blucerchiato parla anche del ritorno di Palombo: "Da compagno posso dire che ha sofferto tanto in questo periodo, sono felice che sia tornato in panchina con noi".

La Sampdoria ha incassato un altro ko nonostante il cambio in panchina ma capitan Pozzi non intende fasciarsi la testa. La stagione è ancora lunga e solo con la forza del gruppo i blucerchiati possono uscire da questa crisi: "Si tratta di un momento molto difficile che dobbiamo affrontare tutti insieme - le parole dell'attaccante - Come dicevamo l'anno scorso, possiamo uscirne soltanto restando tutti uniti, lavorando e augurandoci di fare un bel girone di ritorno. Siamo sulla strada giusta, non dobbiamo trovare alibi: dobbiamo soltanto giocare, correre e fare punti, altre ricette non ce ne sono".

Finora l'unico a pagare è stato Ferrara: "Quando esonerano un allenatore è colpa di tutti. Dispiace, ma siamo professionisti e dobbiamo essere abituati a queste cose. Non è compito nostro fare discorsi tecnici e psicologici, noi siamo i giocatori a disposizione del mister. Dobbiamo lavorare e seguirlo fiduciosi e credere in quello che facciamo. Bisogna migliorare nei tiri in porta, perché più concludiamo e maggiori possibilità abbiamo di trovare il goal. Io resto fiducioso".

Con Rossi la prima novità è stato il cambio di modulo: "Non è cambiato tanto. Io, Eder e Icardi siamo già abituati a giocare con il trequartista e siamo più sincronizzati a svolgere la fase offensiva e difensiva. Anche perché questo modulo l'avevamo adottato anche nel girone di ritorno dello scorso campionato".

L'ex allenatore della Fiorentina ha anche reintegrato Angelo Palombo: "Per Angelo mi fa molto piacere, è un ragazzo straordinario, gli voglio un grandissimo bene. È un amico, quando nei primi due anni non giocavo mai, mi è sempre stato vicino L'affetto della gente nei suoi confronti è innegabile ed è stato dimostrato. Da compagno posso dire che ha sofferto tanto in questo periodo, sono felice che sia tornato in panchina con noi".

Sullo stesso argomento