thumbnail Ciao,

Il portiere brasiliano in Italia dal 2011 sta riconquistando la fiducia di Montella e della società ma il merito non è solo per gli allenamenti...

Neto, giovane portiere brasiliano della Fiorentina è una delle rivelazioni di quest'ultimo scorcio di stagione. Arrivato in punta di piedi nel 2011 sta conquistando partita dopo partita la fiducia del tecnico Montella e del gruppo gigliato.

Il portiere carioca arrivato nel nostro Paese grazie all’ex ds, Pantaleo Corvino - a lungo riserva di di Frey, Boruc, e poi di Viviano - ha dovuto ingoiare parecchi bocconi amari e perdere la maglia brasiliana. Adesso però, dopo che era in procinto di lasciare Firenze, la situazione si è capovolta.

La gara di Coppa Italia contro l’Udinese, infine, l’ha rilanciato nuovamente. Oggi il portiere brasiliano giocherà per la quinta volta in stagione, seconda gara consecutiva, quasi un record viste le precedenti panchine.

Ma il segreto della sua bravura – ha svelato la ‘Gazzetta dello Sport’ – non risiede in particolari allenamenti. Anzi. I riflessi sono allenati grazie ad un videogioco, “Call of Duty”, che gli ha fatto perdere qualche ora di sonno ma in compenso migliorato l’istinto felino tra i pali.

Tornando al campionato, contro il Palermo si annuncia una gara caldissima per i viola e non solo per il clima primaverile della Sicilia. E questo, Montella, lo sa bene: “Sono in crescita, ed hanno un grande potenziale offensivo. Dovremo avere la stessa loro voglia di vincere: senza cali di tensione per le vacanze in arrivo. In palio ci sono punti pesantissimi”.

Sullo stesso argomento