thumbnail Ciao,

La Juventus ha battuto il Cagliari chiudendo in bellezza un 2012 da incorniciare e ha ritrovato Alessandro Matri, autore di una doppietta.

La partita di ieri sera della Juventus è stato il manifesto perfetto di quello che è riuscita a fare l’armata bianconera in tutto il 2012 sotto la devastante (per gli avversari) regia di Antonio Conte. C’è poco da controbattere: contro il Cagliari si è vista l’ennesima dimostrazione di forza dei Campioni d’Italia, capaci ancora una volta di legittimare il titolo vinto nel maggio passato.

E sì che non era facile, e ad un certo punto l’invocazione del Dio del calcio fatta da Massimo Cellino nel pre partita, a mo’ di maledizione nei confronti dei bianconeri, lasciavano presagire che la Juve dovesse necessariamente uscire dall’ultimo match dell’anno con un risultato negativo: l’Agazzi versione Jascin ed il rigore fallito da Vidal sembravano dover dare conto a credenze popolari di basso costo sui reali effetti degli anatemi di turno.
LA PARTITA | CAGLIARI-JUVENTUS 1-3

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

CARTELLINI

FUORIGIOCO

CAGLIARI
4
2
36%
1
5
1

JUVENTUS
22
11
64%
6
2
4


Tuttavia, dopo un primo tempo di buona fattura ma senza squilli di tromba, è salito in cattedra Alessandro Matri, quello vero, quello che si era conquistato la Juve ed aveva conquistato gli Juventini a suon di goal ma non solo. Il centravanti generoso, bravo a caricarsi sulle spalle il peso della squadra, a farla salire, a dare contributo alla manovra, e buttare palla nel sacco. Impresa riuscita ieri, finalmente, per ben due volte, dopo un lungo periodo di astinenza che aveva fatto gridare i soliti palati fini al bidone. Ah, mannaggia la memoria corta… Invece il ragazzo ha dimostrato di esserci ancora, di ricordare come si svolge il mestiere del centravanti. Del resto, la generosità e lo sbattersi per il collettivo non gli avevano mai fatto difetto, al contrario della mira, tornata finalmente a funzionare alla perfezione contro i sardi. Ecco perché a mettere un marchio grosso così sulla contro il Cagliari sia stato lui è un bel segnale: possiamo dirlo, Matri pare sia tornato, in attesa di continuità.

Chi non se n’è mai andata è stata la Juventus stessa. I 3 punti ottenuti hanno consegnato ad Antonio Conte l’ennesimo record: la sua è la squadra in assoluto più prolifica, in fatto di punti conquistati, nell’arco di un intero anno solare. Ben 94 dicono infatti le statistiche, più della Juventus di Capello del 2005 (93 punti) e più anche dell’Inter di Mancini del 2007 (92). A fine partita l’allenatore pugliese non ha nascosto la sua ovvia felicità. Era importante vincere, piazzare la ciliegina, dolcissima e di pregiata qualità, sull’eccellente torta costruita giorno dopo giorno in questo 2012 che ha restituito al calcio italiano una Vecchia Signora più ringiovanita e lucente che mai. L’impresa è riuscita, anche quando in molti sembravano non crederci più.

E non ce ne voglia Cellino, ma se la Juventus è finora stata troppo forte per tante squadre, Cagliari compreso, hai voglia ad attaccarti a presunte irregolarità del  Campionato che non esistono. Se una società come quella rossoblu, con un bacino d’utenza importante e passionale, non riesce da ben oltre un anno ad avere un impianto a norma, la colpa non è certo dei bianconeri. Che non potevano finire meglio un’annata vissuta su livelli altissimi, con in prima pagina, stavolta, il condottiero Antonio Conte ed il bomber Alessandro Matri. Due che, per motivi diversi, erano finiti lontano dalle luci dei riflettori. Luci che adesso sono tornate ad illuminarli come qualche mese addietro, per la gioia dei supporters bianconeri.

Adesso si andrà al riposo, con la speranza di tirare a lucido, nel pur ridotto spazio temporale disponibile, qualche uomo un po’ in affanno (vedi Vidal), e cercando di andare a pescare sul mercato dei rinforzi mirati a migliorare a puntino una squadra già di per sé fortissima. Perdere occasione di rendere ancora più importante questa realtà sarebbe peccato mortale: ci sono altri palcoscenici che premono per vedere all’opera la Juve…

Sullo stesso argomento