thumbnail Ciao,

L'allenatore viola ha parlato alla vigilia del match del 'Barbera', cercando di tenere alta la concentrazione dei suoi. Il tecnico ha anche dato indicazioni per il mercato.

La Fiorentina fa visita al Palermo prima della sosta natalizia, il tecnico Vincenzo Montella cerca di tenere alta la concentrazione dei suoi giocatori, per chiudere in bellezza il 2012. L'allenatore ha poi parlato anche di mercato, dettando alla società le linee da seguire per gennaio.

Intervenuto in conferenza stampa, l'ex attaccante ha messo in guardia i suoi in vista della delicata gara in Sicilia: "È una squadra in grandissima crescita che è in salute, a Udine meritava di vincere. Inoltre hanno talento e qualità in attacco con Ilicic, Dybala e Miccoli. Dobbiamo avere la stessa attenzione degli avversari, così come la stessa voglia di vincere. A Palermo ci giochiamo punti importantissimi per la nostra classifica. Non voglio vedere cali di tensione. Lo Monaco è bravo a preparare le partite e destabilizzare l'ambiente".

Montella fa poi il punto della situazione, stilando anche un bilancio dell'annata: "Devo dire è che è stato un anno inaspettato, ho avuto un bilancio davvero positivo. Nell'attuale classifica dobbiamo fare la corsa su noi stessi, a me importa la convinzione della squadra. Dobbiamo rimanere concentrati. Spero che la squadra non sia con la testa già in vacanza. Per gennaio poi daremo ai giocatori un programma di lavoro, sperando che lo mettano in atto".

Il tecnico viola ha poi parlato anche di mercato, dettando le sue direttive: "Noi siamo attenti per capire dove si possa migliorare la squadra. Chi verrà visionato e scelto dovrà avere un certo profilo, anche perché tatticamente siamo formati. Se deve arrivare qualcuno deve essere funzionale alla squadra ma non necessariamente deve essere un top-player".

Infine un commento sui singoli, premiato in particolar modo il portiere Neto: "Credo che in queste due partite Neto abbia fatto molto bene, mi sembra giusto continuare con lui, è un grandissimo lavoratore ed un portiere molto svelto e reattivo. Jovetic è stato fermo a lungo, ma a me va bene anche così per quanto può dare. Pizarro si è allenato e si è messo a disposizione. Devo invece valutare le condizioni di Mati Fernandez, uscito malconcio da Udine e di Toni, che ha un problema alla mano".

Sullo stesso argomento