thumbnail Ciao,

"Il Torino vuole guarire, ma noi proveremo a fare risultato. E' una diretta concorrente per la sfida salvezza. Pellissier resta un elemento importante in organico".

Tre vittorie consecutive hanno rilanciato le ambizioni del Chievo, complice la ritrovata consapevolezza nei propri mezzi. A Corini piace viaggiare ad alta quota, standard gradito anche ai piani alti, Campedelli in primis. Dopo un inizio a singhiozzo, e l'allontamento di Di Carlo, è approdato turbo-Corini vecchio uomo spogliatoio ed elemento guida della compagine clivense.

L'ex mediano ha dato una scossa all'ambiente,  ed una sterzata in termini pratici ai risultati sul rettangolo verde. I veronesi faranno visita al Torino, con l'umore alto dopo la vittoria nella nebbia ai danni della Roma: "A Torino per vincere, è un momento importante del nostro campionato. Andiamo a sfidare una diretta concorrente che vuole riprendersi dopo le ultime gare. Se giochiamo come sappiamo, possiamo fare risultato anche a Torino".

Corini sembra ancora intenzionato a lasciare fuori dall'undici di partenza capitan Pellissier, ultimamente poco impiegato e scalzato dalla concorrenza: "E' un giocatore molto importante per noi, e lo ha dimostrato nell'ultima gara facendoci battere la Roma e continuerà a farlo anche in futuro.

In chiave formazione, probabile tridente mascherato, con Hetemaj che dovrebbe agire dietro il tandem Thereau-Paloschi, con Pellissier ancora in panchina.

Sullo stesso argomento