thumbnail Ciao,

Si può diventare grandi partendo dal vivaio. Il progetto giovani rappresenta il miglior investimento, il Barca sia fonte di ispirazione. De Sciglio fiore all'occhiello.

Pazienza e investimenti a lungo termine, il processo cadenzato del compro prima e aspetto domani, costruendo le basi della squadra che verrà con debito anticipo. Tutto condito da una buona dose di competenza e lungimiranza, per plasmare la materia base in un potenziale elemento da serie A.

Filippo Galli, responsabile del settore giovanile del Milan ha ben chiaro quale sia il modello da osservare e la strada da perseguire. Naturale avere una soddisfazione doppia nel veder crescere un ragazzo tra le propria fila e poi lanciarlo nei grandi palcoscenici nazionali.

Con Mattia De Sciglio, Galli crede di aver vinto la sua personalissima scommessa: "Ha ancora margini di miglioramento importanti, e siamo soddisfatti di averlo portato fino alla prima squadra". Resta un esempio positivo per i giovani, che si sentono maggiormente coinvolti nel progetto e che alla fine con sacrifico e dedizione vedono realizzare i loro sogni.

Un passo alla volta, per il giovane terzino rossonero si sono spalancate le porte della prima squadra. Da giovane comparsa si è ritagliato un posto importante nelle gerarchie di Allegri.

Impossibile non menzionare il nuovo astro nascente del settore giovanile Milan. Mastour ha stregato tutti, i video impazzano sul web, genialate di classe cristallina con i pari età, e allora subito la convocazione nella nazionale giovanile. "Mastour ha dal punto di vista tecnico delle qualità superiori alla media, anche se l'attenzione mediatica è molto alta".

Poi un pensiero ai fautori della cantera: "ll modello Barcellona per il settore giovanile è vincente, per cui dovrà essere fonte di ispirazione, anche se sarà impossibile imitare completamente il loro progetto".

Sullo stesso argomento