thumbnail Ciao,

Gli arbitri? Zeman dribbla l’argomento, preferisce concentrarsi sul Milan: “Sfidiamo una grande squadra ma per noi non è l’ultimo treno e non sono sotto pressione”

Qualcuno ha parlato di una Roma poco matura: "E' strano, siamo caduti ma dopo una serie di vittorie, sono poche le squadre che vincono sempre".

E' una vigilia ovviamente importantissima quella che sta vivendo la Roma. Reduce dalla sconfitta patita sul campo del Chievo, la compagine giallorossa ospiterà sabato il Milan con il doppio obiettivo di riprende la scalata in classifica e di bloccare la rimonta di una diretta concorrente.

Zdenek Zeman, nella consueta conferenza stampa che prevede ogni match, ha così parlato dei rossoneri: "Conosciamo il Milan, è sempre una squadra che lotta per il vertice, sono anni che lo fa. Ha giocatori importanti e, se anche è vero che hanno perso Ibrahimovic, hanno trovato un ragazzo che è il capocannoniere del campionato e che ha pienamente sostituito lo svedese sul piano del goal".

All'Olimpico proprio El Shaarawy sarà uno dei giocatori più attesi: "Si vedeva anche in Serie B che aveva grandi qualità. E' un ragazzo di grande prospettiva, che gioca per il goal e che ha fatto passi in avanti importanti".

Osvaldo è stato squalificato per tre turni in Coppa Italia: "Se questa cosa influirà sulle mie scelte? No, ha sbagliato ed è stato punito. In campionato può giocare quindi per me non ci sono problemi".

Il tecnico boemo ha così anticipato quelli che saranno alcuni temi della sfida con il Milan: "Si stratta di una sfida importante tra due squadre che hanno sempre dato vita a belle partite. Credo che ci sarà da divertirsi, mi auguro che la Roma si diverta più del Milan. La classifica? Cercheremo di superarci l'una con l'altra, non mi sento di dire che è l'ultimo treno, siete voi che lo fate ogni volta. Più si sta vicini alla vetta e meglio è, normale".

Zeman ha fatto un bilancio dei suoi primi mesi in giallorosso: "Abbiamo buttato dieci punti per strada, è normale che con quelli tutto sarebbe stato meglio. Dal punto di vista del gioco sono soddisfatto. Se mi sento sotto pressione? No, è dal primo giorno che dico che la Roma deve puntare alle prime posizioni, poi può anche non riuscirci per diversi motivi. Mi aspetto ancora una crescita, lavoriamo proprio per questo".

Il tecnico giallorosso ha dribblato il tema arbitrale: "Se voglio parlare della sfida col Chievo? No. Dopo una gara si vede quello che è successo e a volte non abbiamo avuto quello che si poteva avere. Certo abbiamo sbagliato qualcosa pure noi ma comunque i responsabili degli arbitri vedono le partite e poi prendono le loro decisioni. Perchè non voglio parlare di arbitri? Per non alimentare polemiche".

Tra pochissimo inizierà la finestra di calciomercato: "Non ne abbiamo ancora parlato ma tutto si può migliorare. Per ora richieste specifiche da fare non ne ho. Un terzino? Non lo so".

Qualcuno ha parlato di una Roma poco matura: "E' strano, siamo caduti ma dopo una serie di vittorie, sono poche le squadre che vincono sempre. Se poi pensiamo a Verona per me lì non siamo caduti, magari sono altre le partite nelle quali c'è stato un atteggiamento sbagliato".

Zeman non pensa che il Milan cambierà modulo: "Hanno trovato i giusti equilibri e non credo che lo faranno. Vengono da tre vittorie larghe, non muteranno nulla. Se noi ci adatteremo? Non credo, puntiamo sempre a fare un calcio propositivo".

Sullo stesso argomento