thumbnail Ciao,

Lo slovacco analizza il momento nero degli azzurri e suona la carica: "Ormai tutti ci affrontano come se fossimo la Juventus, ma la stagione è lunghissima non è cambiato nulla".

Quattro sconfitte consecutive tra campionato e coppe certificano la crisi del Napoli. Sia sul campo che fuori, per gli azzurri è un momento nerissimo dal quale Marek Hamsik vuole uscire quanto prima. Lo slovacco suona la carica in vista del proseguio di stagione, a partire dall'impegno di Siena, e sul suo futuro assicura: "Qui sto molto bene: ho firmato un contratto, voglio restarci a lungo".

"Ormai tutti ci affrontano come se fossimo la Juventus e per fare il grande risultato - ha detto al 'Mattino' - Se noi molliamo un attimo andiamo incontro a delle difficoltà. Siamo molto dispiaciuti per noi e per i nostri tifosi.  L’allenatore ci ha parlato più del solito su tutte le cose sulle quali dobbiamo migliorare, sia singolarmente che di squadra. Poi ci siamo parlati tra noi: la compattezza del gruppo è uno dei nostri punti di forza. Ci vuole subito una scossa".

Domani in terra toscana, i partenopei hanno l'occasione di alleviare i recenti 'dolori': "Ci vuole una prestazione di grande intensità, più che la qualità in questi casi bisogna tirar fuori la grinta - ha evidenziato Hamsik - Dobbiamo ripartire forte: stare attenti a non prendere goal e cercare di sfruttare le occasioni che ci capiteranno a disposizione. Sarà un Napoli pronto a dare battaglia".

Nonostante il momento difficile, lo slovacco invita all'ottimismo: "Siamo tutte quanti lì, divise da pochi punti, la zona Champions è vicina, sicuramente il nostro obiettivo in campionato è sempre quello di arrivare il più in alto possibile. Non è cambiato nulla e la stagione è lunghissima. Penalizzazione? Non dobbiamo pensarci. Guardiamo avanti e questa vicenda mettiamola da parte".

Il 'jolly' azzurro ammette che lo Scudetto è un obiettivo difficile: "Ormai è lanciatissima, la Juve è la squadra più forte di tutte le altre e lo sta dimostrando da due anni a questa parte senza cedimenti. Per la Champions Inter, Lazio, Fiorentina, Milan e Roma sono più o meno tutte sullo stesso livello. Sono avversarie da considerare della stessa pericolosità".

Sul sorteggio di Europa League, in cui il Napoli ha pescato i cechi del Viktoria Plzen, Hamsik afferma: "Si tratta di una squadra forte che ha battuto l’Atletico Madrid. Conosco bene l’allenatore, ci sono due miei compagni della nazionale slovacca, gli attaccanti Bakos e Duris: una squadra imprevedibile, gioca con il 4-2-3-1 e non dà punti di riferimento in attacco".

Infine, lo slovacco dice la sua su Mazzarri e alcuni compagni di squadra: "Il fatto che il tecnico sia in scadenza non condiziona lui e non condiziona noi. Ci allena nello stesso modo di sempre per ottenere il massimo. Il mio auspicio è che possa restare a Napoli, questo è chiaro. Cavani in questo momento è tra i cinque attaccanti più forti al mondo con Messi, Cristiano Ronaldo, Ibrahimovic e Falcao. Insigne? Ha grandi qualità e sta già facendo vedere i suoi numeri, nel gruppo è entrato bene e sta dando il suo contributo".

Sullo stesso argomento