thumbnail Ciao,

Il centrocampista nerazzurro ha fatto il punto della situazione a pochi giorni dalla fine del 2012, considerando l'attuale stagione come un punto di partenza per un nuovo ciclo.

L'Inter si appresta a concludere il 2012 in bellezza, dopo un periodo poco felice per i ragazzi di Stramaccioni. Il centrocampista Esteban Cambiasso ha fatto il punto della situazione, analizzando l'annata della squadra e commentando le prestazioni di alcuni compagni più giovani.

Intervistato ai microfoni di Inter Channel, il 'Chucu' ha ipotizzato un futuro da allenatore: "Non lo so, non so nemmeno quali siano le qualità che servono in realtà perchè quando si pensa a quel mestiere si pensa a qualcuno che ne sappia di tattica, ma in realtà, l'allenatore, è anche una persona che deve convivere e gestire 25 teste diverse, io questo non lo sottovaluto".

Cambiasso ricorda il momento della scelta di passare dal Real Madrid all'Inter: "A questo punto li ringrazio, mi ha fatto prendere la decisione più bella della mia vita, parlando di calcio. Non sono uno che rimane con il male dentro, a pensarci. Il destino esiste, loro non i volevamo così tanto, è arrivata l'Inter che invece mi voleva fin da subito, per fortuna i nostri destini si sono incrociati e siamo qui. Ora sto recuperando, lavorando con lo staff medico per stare bene".

Il mediano argentino spreca poi alcune parole di elogio verso qualche compagno di squadra: "Vice Milito? Posso dire che non esiste perchè uno come Diego non esiste. Possiamo pensare che serva un altro attaccante, ma pensare a un vice Milito è già un'utopia. Alvarez? Sono convinto possa diventare un grande giocatore, ma penso che lui e gli altri ragazzi siano arrivati all'Inter in un anno, quello passato, che è stato molto difficile per tutti, a partire da noi che eravamo qui da anni e non siamo riusciti neanche a dare loro una mano nei momenti di difficoltà. Quest'anno, per Ricky, è iniziato con l'intervento al ginocchio, ma non mi preoccupo se lui sbaglia la giocata, mi stupirei se non la prova perchè è un giocatore che vuole sempre la palla e per me un tipo così ha sempre grandi meriti".

Infine Cambiasso volge il pensiero al prossimo impegno di campionato conto il Genoa: "Il Genoa scenderà in campo per non perdere? Io non me la prendo mai con l'attegiamento calcistico delle altre squadre, se uno non è capace di vincere è un problema di ognuno, se noi non vinciamo non dobbiamo prendercela con nessuno. L'anno scorso abbiamo detto che non avremmo potuto sbagliare un'altra stagione e i risultati ad oggi dicono che la squadra ha le idee chiare e credo si stia vivendo una ripartenza".

Sullo stesso argomento