thumbnail Ciao,

Il direttore sportivo rossonero conferma la volontà della società di puntare sul settore giovanile: "Mattia De Sciglio, poi, è un esempio, così come Antonini".

A margine della festa di Natale del settore giovanile del Milan, il direttore sportivo dei rossoneri, Ariedo Braida, ha parlato del presente e del futuro prossimo della società di via Turati.

Riguardo al settore giovanile ha precisato come da parte dalla società ci sia la volontà di salvaguardare il vivaio: Galliani è dispiaciuto di non essere qui a un appuntamento al quale tiene molto. Il nostro presidente segue il nostro settore giovanile. Chiama, si informa e si interessa. Berlusconi è molto appassionato e chiede i risultati e quello che si fa. E poi il vivaio rappresenta il nostro futuro".

Poi su alcuni calciatori che sono usciti dalla 'cantera' milanista precisa: “Abbiamo visto un filmato ricco di emozioni e Mattia De Sciglio è un esempio così come Antonini. Bisogna ricordarsi, poi, sempre delle persone che appaiono di meno. Io li ringrazio perchè lavorano duro e sono in tanti”.

Infine, poi lancia un messaggio chiaro a tutti quei giovani che aspirano a sfondare nella massime serie:  “La cosa più importante è lo studio e se sarete bravi diventerete giocatori. Tutti avete la vostra chance in questa grande società che è talmente importante che vi mette anche delle responsabilità”.

Sullo stesso argomento