thumbnail Ciao,

L'allenatore bianconero è intervenuto in conferenza stampa prima del match in programma venerdì sera al Tardini contro il Cagliari.

Conferenza stampa pre-Cagliari per il tecnico della Juventus Antonio Conte. L'allenatore bianconero si è soffermato su diversi argomenti, in primis l'infortunio di Chiellini ed il caso Is Arenas.

"E' veramente un peccato non avere a disposizione Giorgio Chiellini, si tratta di un giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero avere, un vero leader. Non sappiamo ancora per quanto tempo non sarà disponibile, speriamo di poterlo avere a disposizione il più presto possibile. Non cambiano le strategie di mercato perché non sappiamo ancora quanto ci vorrà, ma già prima dell’infortunio avevamo in mente di sopperire alla partenza di Lucio e anche alla partenza di Asamoah per la Coppa d’Africa".

Una parola per Lucio, che ha rescisso il contratto: "Quando un giocatore va via mi dispiace sempre, perchè si instaurano dei rapporti sia personali che professionali. Davanti aveva un trio collaudato come quello formato da Barzagli-Bonucci-Chiellini, ci sarebbe voluto un po' di tempo per inserirlo in un meccanismo di squadra. Non ho nulla da dire su di lui, si è sempre comportanto in maniera esemplare.  Capisco che a 34 anni abbia avuto la voglia di mettersi nuovamente in gioco".

Sul fatto che si giocherà a Parma e non a Cagliari: "Siamo sicuramente la parte colpita perchè fino a ieri pomeriggio non sapevamo dove andare, quando partire e come organizzare gli ultimi allenamenti. Mi auguro che in futuro riguardo a queste cose possano esserci migliori accorgimenti, in Italia possiamo fare meglio sotto molti punti di vista".

Il titolo di campione d'inverno gli interessa veramente poco. Avrebbe invece messo Pirlo sul podio del pallone d'Oro: "E' bello essere campioni d'inverno, ma non conterà niente se alla fine dell'anno non saremo campioni d'Italia. In questa settimana siamo stati molto elogiati, motivo per il quale voglio vedere quale sarà la reazione della squadra, c'è il rischio di un po' di appagamento. Da questo punto di vista vorrò delle risposte importanti da parte della mia squadra.Se fossi stato un giurato avrei dato il premio a Pirlo, ma conta anche quando uno sa essere decisivo per le sorti della propria squadra coi goal, quindi credo che lo vincerà Messi".

E' imminente anche il sorteggio di Champions League: "Siamo di nuovo molto eccitati di partecipare al sorteggio di Champions League, che fa parte del nostro progetto di crescita. Abbiamo sicuramente rispetto per tutti gli avversari che potremo incontrare, ma non abbiamo paura di nessuno".

Capitolo formazione, c'è in dubbio l'attaccante montenegrino: "Dobbiamo dare ancora uno sguardo alle condizioni di Vucinic, faremo una valutazione definitiva in occasione dell'ultima seduta di allenamento. Voglio mandare un forte in bocca al lupo a Tito Villanova perché vinca la sua battaglia e spero di vederlo presto in panchina".

La conclusione è dedicata alla fine del mondo, che dovrebbe essere il 21 dicembre: "Non mi sono preparato per questo evento, con la mia famiglia non abbiamo fatto nulla di particolare. Ma spero di continuare a vedervi (riferendosi ai giornalisti) anche nelle prossime settimane. E' dura dire una cosa del genere, ma è così (ride, ndr)".

Sullo stesso argomento