thumbnail Ciao,

La scelta dei club di A sarà tra il presidente uscente Beretta, l'ex presidente della Lega di B Abodi e Simonelli. Tanti dubbi sugli esiti, e non è da escludere un rinvio...

Il gran giorno è arrivato. Oggi pomeriggio si sceglierà il nuovo presidente della Lega di serie A. In programma un'assemblea fiume, che prenderà il via alle 16.30 (in tarda mattinata ci sono i sorteggi Uefa) e avrà un ordine del giorno di ben 12 punti. L'elezione del presidente è soltanto al punto 6, ma è molto probabile che i sostenitori di Abodi - in corsa assieme all'uscente Beretta e a Simonelli - chiederanno di votare prima di discutere del resto.

Il prescelto, che guiderà l'organo per i prossimi 4 anni, dovrà mettere d'accordo almeno 14 società su 20. Vista la lunghezza della riunione e la difficoltà di raccogliere così tanti consensi, non è escluso uno slittamento della votazione a gennaio. Al momento, il favorito sembra essere Abodi, che ha appena abbandonato i vertici della B. Tra gli altri due candidati, invece, pare esserci una sorta di patto di non belligeranza.

Tra le big schieratesi in favore di Abodi, come evidenziato dalla 'Gazzetta', troviamo Juventus, Inter, Roma e probabilmente anche Napoli. Molto probabili, tra le altre, i consensi per lui da parte di Atalanta, Bologna, Catania, Palermo, Pescara, Siena e Udinese. Simonelli, invece, può contare sul sostegno forte del Milan, che ha avanzato la sua candidatura.

Nel frattempo sta emergendo la candidatura di Angelomario Moratti, vicepresidente nerazzurro, per il prossimo consiglio federale, esattamente per uno dei due posti (l'altro spetta al presidente di Lega) in quota alla A. Dovesse vincere Abodi, il nuovo vicepresidente potrebbe essere Andrea Agnelli.

Sullo stesso argomento