thumbnail Ciao,

L'ad polemizza sull'episodio del 'Friuli', fa il punto sulle strategie di gennaio e recrimina per le troppe occasioni perse dai siciliani: "Avremmo potuto avere 4-5 punti in più".

E' un Pietro Lo Monaco a ruota libera, quello che parla due giorni dopo il pareggio beffa rimediato dal Palermo sabato sul campo dell'Udinese. L'ad torna sull'episodio del penalty non concesso a Ilicic nel primo tempo, fa il punto sul calciomercato di gennaio rivelando l'imminente approdo in Sicilia di Salvatore Aronica dal Napoli e recrimina per le troppe occasioni perse dai rosanero.

"Al di là della macroscopica sbandata degli arbitri perchè è chiaro agli occhi di tutto che il Palermo in vantaggio 1-0 con un rigore a favore sarebbe potuto andare sullo 0-2 - ha detto in conferenza stampa - solo un cieco poteva non vedere quel rigore ed invece 3 ciechi sono riusciti a non dare rigore ed espulsione".

Il match, comunque, i rosanero dovevano chiuderlo: "Se facciamo un'analisi dei punti sperperati in queste partite, o anche dilapidati, ci siamo ritrovati in vantaggio col Milan per 2-0 e poi è finita 2-2 - ha evidenziato l'ad - Con il Torino, il Siena e l'Inter ce la siamo sempre giocata bene e con i nerazzurri abbiamo perso due punti in quel modo, senza contare le partite precedenti con Atalanta e Pescara castigati negli ultimi minuti, avremmo potuto avere 4-5 punti in più".

Sul calciomercato invernale, Lo Monaco annuncia: "Si fanno delle scelte societaria di comune accordo con il tecnico e 5-6 calciatori andranno via e se andranno via noi ci adopereremo per colmare i vuoti che lasciano. Abbiamo un'intesa per Aronica, è un giocatore del Napoli e nei prossimi giorni dovremmo formalizzare. Rios? Chiaro che riaprendosi il calciomercato si guarda sia il Palermo che il giocatore. Arevalo è un giocatore di grandissima esperienza e di una certa età ed avrà delle offerte che valuteremo".

Sullo stesso argomento