thumbnail Ciao,

Il direttore generale del Catania ha risposto così alle accuse del tecnico blucerchiato: "Ero nel tunnel e non è successo niente, l'arbitro non ha affatto influito sul risultato".

Tra strette di mano non date e polemiche arbitrali è diventato quasi impossibile disputare una gara serenamente al Massimino. Stavolta, però, le accuse non sono arrivate dal Catania ma dalla Sampdoria, ed in particolare da Ciro Ferrara, convinto che i rossazzurri abbiano aggredito ed influenzato l'arbitro durante l'intervallo.

La prima risposta catanese è arrivata da parte del direttore generale Sergio Gasparin: "Ero nel tunnel e non è successo niente - ha detto in zona mista - , non mi sembra comunque che la direzione arbitrale abbia inciso in un senso o nell’altro sull’esito della gara. Non c’è motivo per cercare alibi di ogni genere”.

Poi il dg si è concentrato sulla 'remuntada' dei suoi: "Una prova maiuscola, anzi straordinaria del nostro Catania. Abbiamo giocato bene come le ultime cinque-sei partite di campionato, con grande tenacia e sacrificio. Se vogliamo trovare momenti di difficoltà nella gara, indicherei la fine del primo tempo dopo il gol della Samp. Ma prima e dopo di quel momento, ha giocato solo ed esclusivamente del Catania".

Chiusura sul futuro e, ovviamente, sul mercato: "Ora pensiamo solo al Pescara, ma ci godiamo anche questo nostro momento d’oro. L’obiettivo è regalare un sereno Natale alle famiglie catanesi, il nostro compito è anche quello di migliorare e migliorarsi. A gennaio sul mercato cercheremo in primis di trattenere tutti".

Sullo stesso argomento