thumbnail Ciao,

Il tecnico rossazzurro carica la sua squadra in vista del match contro la Sampdoria, e avvisa tutti: "Per fare risultato servirà la rabbia dei giorni migliori".

Settimana da incorniciare per il Catania che, dopo aver superato il Siena in campionato, ha centrato anche la qualificazione ai quarti di Coppa Italia battendo ai rigori il Parma.

Il tecnico Maran però, in vista della gara contro la Sampdoria, non vuole sentir parlare di appagamento: "Ci serve un altro risultato positivo, un’altra prestazione come quella che ci hanno portato fino a qua. Dobbiamo contare su noi stessi. Il nostro futuro è nelle nostre mani. Con la giusta carica agonistica, spritio di sacrificio, riusciamo a creare problemi a tutti".

Quindi Maran spiega: "Non sarà semplice, per confermarsi bisogna raddoppiare gli sforzi adesso. Avremo di fronte una squadra che come noi ha bisogno di punti. Proprio per questa consapevolezza deve stimolarci a dar il meglio". E conferma l'indisponibilità di Gomez: "Il Papu non è dei nostri. Meglio tenerlo a riposo visto il dolore forte che accusa. Rolin invece ha lavorato solo oggi".

Il tecnico analizza poi la gara di domani: “Servirà rabbia da squadra ferita per battere la Sampdoria. Dobbiamo mostrare che non vogliamo fermarci. L’entusiasmo deve stimolarci a far questo. Dobbiamo stare molto attenti alla compattezza della Sampdoria. Non dobbiamo aver fretta, andremmo a dar forza alla loro compattezza. Non dobbiamo perdere palloni facili e non farci interrompere le trame di gioco nellla zona nevralgica".

Maran torna poi sul playoff perso l'anno scorso dal suo Varese proprio contri i blucerchiati, e ricorda: "Mi torna alla memoria una serata poco felice. Però c’era l’orgoglio di esser arrivati là  e di meritare qualcosa in più. Abbiamo pagato molto la gara d’andata, con episodi particolari. Prima c’era tanta amarezza, adesso c’è comunque la felicità di aver intrapreso questa strada. Però... ricordo ancora e spero che qualcosa mi possa torna indietro dalla partita di domani. Ma sono storie e percorsi diversi".

Il tecnico rossazzurro esalta il giovane Salifu: "In questo momento c’è bisogno dell’intero organico. Stiamo attingendo ad ogni risorsa. La crescita di Salifu non si interromperà col ritorno di Almiron ed Izco. Lui ha dimostrato a sé stesso ed agli altri di meritare lo spazio che gli è stato concesso".

Infine sulla formazione che scenderà in campo domani rivela: Spolli si è allenato tutta la settimana anche se viene da un periodo un po’ complicato. Frison? Deve mettere in difficoltà Andujar. Questo non deve mettere pressione, è il loro lavoro. Nessuno si deve accontentare del ruolo che gli dà l’allenatore. Sono felice di aver passato il turno in Coppa italia anche perché così ci sarà più spazio per tutti".

Sullo stesso argomento