thumbnail Ciao,

Il nostro Romeo Agresti ed il collega Alessandro Salvatico hanno realizzato un libro che ripercorre le storie del derby di Torino, il più antico d'Italia.

E' il più antico derby d'Italia. E' una sfida, Torino-Juventus, scritta nel codice genetico delle due società, con quella granata che prende forma definitiva staccandosi da una costola bianconera dopo una furente litigata.

Da allora, è scritto: nemici per sempre. Di qua gli aristocratici, i Savoia e gli Agnelli; di là il popolo minuto. La Juve, nata in un liceo classico, espressione di raffinatezza applicata alla pedata; il Toro, che vede la luce in una birreria e sceglie il colore “del sangue e del barbera”. E' infatti la più impari fra le quattro grandi stracittadine italiane, con i bianconeri carichi di allori come nessun altro, ma il Toro a volte è un Davide che abbatte Golia, e il bilancio è sorprendentemente equilibrato.

E se il Grande Torino è stato sconfitto solo dal Fato, gli anni successivi hanno regalato i numeri di Boniperti e le acrobazie di Pulici, Ferrini che calcia più Sivori che il pallone e Platini che fa giochi di prestigio, le botte fra Pasquale Bruno e Casiraghi, il “futebol bailado” di Junior e l'immortalità calcistica di Del Piero. Una sfida cresciuta tra il Filadelfia e il Comunale, e che quest'anno per la prima volta si dividerà: ognuno a casa propria, ognuno nel suo stadio.

“La grande storia dei derby Torino - Juventus” è la storia di un pallone che rotola, ma anche il riflesso sociale di una città, una storia antica di magie, di botte e...di amicizia. A realizzarlo Alessandro Salvatico ed il nostro Romeo Agresti.

Sullo stesso argomento