thumbnail Ciao,

Contro il Milan Ventura ha avvertito due malori. Il primo nell'intervallo, il secondo a fine gara. Forse si è trattato di un calo di pressione.

Quindici punti messi in cascina in sedici giornate di campionato ed una classifica che adesso vede la zona retrocessione distante appena un punto. E' questo quanto raccolto sin qui da un Torino che stenta a decollare.

Nelle ultime quattro partite, i granata hanno fatto un solo punto pareggiando in casa con la Fiorentina, le altre tre gare parlano di altrettante sconfitta contro Roma, Juventus nel derby e l'ultima interna contro il Milan. I prossimi due impegni, quelli con Genoa e Chievo sono sulla carta più alla portata ed il Toro dovrà cercare di approfittarne per allontanarsi dalle sabbie mobili.

Dovrà però riuscirci sapendo che l'ambiente è rovente. Le ultime sconfitte e le tante reti incassate non sono andate giù alla tifoseria che ieri ha ripreso a contestare Cairo. Al presidente granata sono stati rivolti sonori fischi, altri passi falsi potrebbero rendere la situazione più insostenibile.

A guidarlo ci sarà ovviamente Giampiero Ventura, questo nonostante gli attimi di paura che si sono vissuti durante la sfida con il Milan. Il tecnico granata si è sentito male durante l'intervallo tanto che è tornato poi in campo con circa tre minuti di ritardo.

Ventura si è arrabbiato molto nel corso del primo tempo, a farlo andare su tutte le furie sono stati i numerosi errori compiuti dai suoi ragazzi. Nella ripresa, si è invece accomodato in panchina lasciando al vice Sullo il compito di guidare la squadra. A fine gara un secondo malore dovuto forse ad un calo di pressione, il tecnico è però riuscito a lasciare lo stadio sulle proprie gambe dopo l'intervento dei medici.

Sullo stesso argomento