thumbnail Ciao,

Per i gialloblu è il secondo successo esterno consecutivo: "Abbiamo preparato bene queste due partite. Oggi siamo stati bravi a soffrire nei momenti più difficili".

Proprio come quando giostrava in mezzo al campo con la maglia gialloblu, Eugenio Corini ha ridato ordine al Chievo. Oggi la fortuna e un ottimo portiere lo hanno assistito, ma è bene tenersi la vittoria. La seconda consecutiva esterna, dopo il colpo di Genova.

"La squadra ha ben interpretato queste due sfide, entrambe contro concorrenti diretti - afferma l'allenatore veronese ai microfoni di 'Rai Sport' - e alla fine le abbiamo vinte entrambe. Quella di oggi è stata più difficile, i ragazzi sono stati bravi a resistere nei momenti difficili del match".

Sulle tante parate di Sorrentino, che hanno consentito ai gialloblu di restare a galla prima del blitz vincente di Paloschi e Thereau, Corini fa un ragionamento papale. "Il portiere fa parte della squadra. Stefano ci ha tenuti in piedi a fine primo tempo dopo che nella prima mezzora avevamo fatto meglio noi".

Il Chievo spera di continuare con questo passo, ma già nel prossimo turno c'è un avversario mica da ridere: la Roma, reduce da quattro vittorie di fila. "L'ho vista contro la Fiorentina, ha fatto una gran partita. Vedere la squadra di Zeman quando è in forma è uno spettacolo".

Sullo stesso argomento