thumbnail Ciao,

Ciro Immobile non ha convinto con la maglia rossoblù e a gennaio lascerà Genova. Su di lui Pescara, Napoli e Palermo.

Da grande affare di mercato a cessione eccellente. Questo potrebbe essere il futuro prossimo di Ciro Immobile. Il bomber di Torre Annunziata, autore di 28 gol in 37 presenze con la maglia del Pescara lo scorso anno, non è riuscito a convincere con la maglia del Genoa: 4 gol in 1.177 minuti, troppo poco.

Vista la difficile situazione in classifica, Enrico Preziosi e il ds del Genoa Rino Foschi daranno vita all'ennesima rivoluzione invernale: si parla di 9 colpi in entrata e altrettanti in uscita. Per rigenerare il quarto peggior attacco della Serie A, con 16 gol all'attivo, il presidente Preziosi sta pensando a uomini d'esperienza, come Mauro Zarate e Antonio Floro Flores (ad un passo, secondo le ultime indiscrezioni).

Inevitabile, a questo punto, ritenere che Immobile sia uno tra i calciatori destinati al "taglio": sia per lo scarso rendimento sin qui, sia, soprattutto, perché da parte del Genoa c'è la volontà di non voler bruciare un talento dal futuro roseo, catapultandolo in una realtà, quella rossoblù, destinata ad un'altra stagione di sofferenza.

La Juventus, squadra che detiene l'altra metà del cartellino dell'attaccante, è naturalmente d'accordo, proprio perché gradisce che il ragazzo giochi con continuità a riesca a valorizzarsi anche in Serie A. E allora quale sarà la prossima squadra di Immobile? Sulle sue tracce ci sono Palermo, Napoli (difficile ipotizzare uno scambio di prestiti con Edu Vargas) e soprattutto Pescara.

Il Ds Daniele Delli Carri sta facendo il possibile per cercare di riportare l'attaccante napoletano in riva all'Adriatico, dove lo scorso anno, sotto la guida tecnica di Zdenek Zeman, entrò nella storia del club come miglior goleador della società in una sola stagione. Domenica il Genoa sarà di scena proprio all'Adriatico e ancora una volta Ciro Immobile dovrebbe partire dalla panchina. Aspettando, magari, di ritornare da protagonista su quel campo, ma con la maglia biancoazzurra.

Sullo stesso argomento