thumbnail Ciao,

Il centrocampista non ha gradito alcuni passaggi della recente intervista dell'allenatore. I due dirigenti hanno provato a rassicurare il ragazzo sulle intenzioni del mister...

Daniele De Rossi non ha preso per niente bene la recente intervista di Zeman al 'TG1', quella in cui il boemo sottolineava la sua mancata integrazione nella Roma. A far arrabbiare il centrocampista è stato soprattutto un passaggio, quello in cui l'allenatore sottolineava che secondo lui non è che ci fosse la fila alla porta di De Rossi, in caso di divorzio con il club.

"Si dice che 10-11 squadre lo vogliono, ma a me non risulta - aveva detto Zeman - A me personalmente nessuno l’ha chiesto. E credo che molte società abbiano fatto altre scelte". Parole piuttosto dure, ma che in realtà sarebbero di semplice sprone per il giocatore. E' questo il pensiero di Baldini e Sabatini, che ieri sono stati interpellati sulla questione dallo stesso De Rossi prima dell'inizio degli allenamenti.

In particolare il ds, come riferito da 'Repubblica', gli avrebbe detto: "Zeman non ha nulla contro di te, è soltanto il suo modo di stimolarti, come ha fatto con Lamela e prima ancora con Totti". Da parte del dirigente, però, è arrivato anche un invito che va rivolto un po' a tutti, a Trigoria e dintorni: "Basta sciocchezze, pensiamo a vincere".

Baldini e Sabatini si sarebbero anche premurati di far rivedere a De Rossi il video dell'intervista 'incriminata', cercando di spiegare il senso di alcune dichiarazioni dell'allenatore. Peraltro, quella sul De Rossi poco o nulla desiderato in giro non è piaciuta ad entrambi: quasi un modo, ai loro occhi, per delegittimare il giocatore e la sua importanza all'interno della Roma.

Contro la Fiorentina, intanto, sembrano ormai maturi i tempi per rivedere in campo dal 1' il giocatore, che ha esaurito la squalifica di tre turni. Tre come le vittorie conquistate dalla squadra senza di lui...

Sullo stesso argomento