thumbnail Ciao,

L'attaccante della Fiorentina ha ripercorso in un'intervista le tappe salienti della sua carriera. Soprattutto all'inizio, dice, non è stato facile emergere...

Arrivare in serie A e vestire la maglia di un grande club è il sogno di qualsiasi ragazzino che aspira a diventare calciatore. Luca Toni, il suo sogno, è riuscito a coronarlo: "Sono partito da Serramazzoni e sono arrivato a Berlino, ho giocato in squadre come Fiorentina, Bayern e Roma, vincendo e facendo goal".

Non male, non c'è che dire. Tanto che l'attaccante viola non ha dubbi nell'autogiudicarsi: "Che voto posso dare alla mia carriera? Dieci. Perchè all'inizio non è stato semplice", ha spiegato in un'intervista concessa al programma 'La tribù del calcio' e che andrà in domani sera alle 23 su 'Premium Calcio'.

"Mi alzavo alle 7 del mattino per andare a scuola e tornavo col pullman alle 14: mia madre mi aspettava alla fermata con un panino e il borsone da gioco, io le davo lo zaino coi libri e salivo su un altro pullman che mi portava agli allenamenti. E la sera, quando rientravo, avevo tutti i compiti da fare: ero stanco, ma i miei mi sono sempre stati vicini".

Gli anni scolastici sono stati molto duri: "Siccome a Modena ero entrato in prima squadra, il mercoledì e il sabato mattina dovevo allenarmi e quindi saltare la scuola. Un giorno andai a scuola con i miei genitori e i professori ci dissero: "Ma davvero credete che Luca diventerà un calciatore? Qui siamo a scuola, non può assentarsi per degli allenamenti di pallone". Insomma: mi ritirai. Ma quelle parole mi sono rimaste dentro: mi piacerebbe molto, oggi, rincontrare quei professori. Non per me, ma per i miei. Che ci soffrirono, e molto".

Toni ha poi raccontato un episodio che ne rivela le qualità e lo spessore umano: "Pochi lo sanno, ma anni fa ho comprato la scuola del mio paese, che era in stato di abbandono. Ora l'ho rimessa a nuovo, l'ho trasformata in un Circolo Ricreativo ed è il luogo dove tutti si ritrovano, stanno insieme. Sono contento di averlo fatto, mi ha fatto felice".

Sullo stesso argomento