thumbnail Ciao,

L'attaccante romeno ricorda così la sua ex squadra: "Ho dato tanto, mi è rimasta nel cuore più di tutte".

E' stato certamente uno dei campioni più importanti della storia recente della Fiorentina, purtroppo per lui e per il club gigliato però, il loro rapporto si è concluso non nel migliore dei modi, dopo una stagione piena di problemi.

Adrian Mutu, non ha dimenticato affatto la sua esperienza in viola e, intervistato ai microfoni di Lady Radio ha ammesso: "La Fiorentina è la squadra che mi è rimasta più nel cuore. Penso di aver dato a quella maglia e spero di poter presto tornare allo stadio per vederla. Questa Fiorentina è una squadra che gioca bene, non posso però fare paragoni con quella di Prandelli, mi auguro solo che riesca a tornare in Europa per ripetere quello che abbiamo fatto noi. E' presto per parlare di Champions, il campionato è ancora lungo".

Mutu faceva coppia in attacco un certo Luca Toni: "E' arrivato come una seconda scelta, ma sta scalando posizioni su posizioni. Firenze per lui è sempre stato l'ambiente giusto, darà il suo contributo. Sono contento per il suo ritorno, magari un giorno potrei tornare pure io".

L'attaccante oggi all'Ajaccio non esclude quindi un ritorno alla Fiorentina: "Non credo che tornerò in Romania, nemmeno a vivere. Se Della Valle mi chiamasse direi certamente di si, ho una bel rapporto con il patron e sarebbe bellissimo per me chiudere la carriera in viola".

Sullo stesso argomento