thumbnail Ciao,

L'ad del Palermo sa che la Juventus è avversario difficile, ma conta sull'apporto dei tifosi. E sullo scudetto ha le idee chiare: sarà lotta a due. Si parla anche di Sneijder.

Pietro Lo Monaco non ha lesinato parole di elogio per la Juventus, prossima avversaria del Palermo, e per il suo allenatore, Antonio Conte, che proprio contro i rosanero farà rientro in panchina dopo la squalifica: "E' un piacere per me ritrovare un bravo tecnico come Conte", si legge dalle pagine di 'Tuttosport'.

L'ad del Palermo ha poi aggiunto: "Sarà una partita difficile, ma noi proveremo a fare il nostro. Aspettiamo questo match da tempo e chissà, magari il calore del nostro pubblico ci sarà di aiuto. Certo che la Juve, al momento, è la peggior squadra che potessimo incontrare".

Il dirigente rosanero si è poi soffermato sulla corsa scudetto: "E' una corsa a due tra la Juve, favorita, ed il Napoli. La Fiorentina non ce la vedo in lotta perchè non è abituata a concorrere per certi traguardi. L'Inter? Per quello che ho visto io non può vincere il titolo. Certo, ha il fattore c dalla sua parte come dimostra la partita vinta contro di noi, ma è una squadra stanca, seppure di valore".

Lo Monaco, a proposito di Inter, è tornato sulla partita di domenica scorsa: "Peccato non aver fatto punti perchè la nostra è stata un'ottima prestazione. Un pareggio sarebbe stato importante per morale ed autoconvoincimento. La fortuna non ci ha però aiutati. Discutere Gasperini? Non lo si può fare ogni volta, è irrispettoso".

Immancabile, infine, una battuta sul caso Sneijder: "Una vicenda del genere sta facendo clamore solo perchè vi è coinvolto Sneijder. Ma ne esistono tante di situazioni simili. Ad ogni modo credo che sia fuori luogo parlare sia di mobbing che di esclusione dalla rosa. Il calciatore è a disposizione della squadra e dell'allenatore, ed è lui a decidere se utilizzarlo".

Sullo stesso argomento