thumbnail Ciao,

L'amministratore delegato del Palermo si sofferma anche sul caso Sneijder: "Tirare fuori termini come mobbing è fuori luogo".

Anche Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Palermo, si unisce al dibattito su chi è la vera anti-Juventus nella corsa al titolo. Il dirigente rosanero, all'ingresso degli uffici della Lega, ha 'stroncato' l'Inter, affrontata ieri a San Siro, con parole decise.

"Per quello che ho visto non è in corsa, ho visto una squadra di gran valore ma stanca mentalmente, ma è anche fisiologico dopo 10 vittorie consecutive, ci sta che hai bisogno di rifiatare. Se poi mentre rifiati ottieni vittorie come quella di ieri, il fattore C è importantissimo. L'unica vera concorrente della Juve, comunque, è il Napoli".


Secondo Lo Monaco il Palermo meritava di fare punti: "Abbiamo giocato bene, non meritavamo di andare a mani vuote via da San Siro. Era importante fare risultato, purtroppo è andata così. Ad ogni sconfitta del Palermo però parlare di Gasperini in dubbio è stucchevole; il Palermo sta lottando per restare in A, lo sta facendo con dignità".
 
L'ad rosanero si è espresso anche sul caso-Sneijder: "Tirare fuori termini come mobbing è fuori luogo. Riguarda la strategia societaria dell'Inter e anche del calciatore. Dico solo che Sneijder è un tesserato e dovrebbe essere a disposizione della squadra poi dipende dal tecnico utilizzarlo o meno. Se poi a gennaio Sneijder vuole andar via e l'Inter lo vuole cedere è un giocatore di grande valore e troverà sicuramente un acquirente".

Sullo stesso argomento