thumbnail Ciao,

Cambiasso sottolinea l'importanza del mediano uruguaiano: "E' un giocatore che dà molto, a livello quantitativo e qualitativo".

"Dovevamo ripartire nella ricerca di continuare il nostro percorso: siamo una squadra in formazione, ma abbiamo voglia di vincere ogni partita, dobbiamo essere calmi tutti quanti, cercheremo di fare del nostro meglio": è il pensiero post-partita di Esteban Cambiasso, intercettato dai microfoni di Inter Channel dopo la vittoria contro il Palermo.

Al leader del centrocampo dell'Inter viene poi chiesto un giudizio su Gargano, tra i migliori in campo: "E' un giocatore che dà molto, a livello quantitativo e qualitativo". La parola passa poi proprio al mediano uruguaiano: "È importante che sia arrivata la vittoria. L'importante - spiega Gargano - è correre e poi vincere, siamo contenti, nonostante la fatica contro una buona squadra come il Palermo, che era messa molto bene dietro. Contano i tre punti, siamo soddisfatti, anche perché se no sopra di noi si allontanano".

Domenica prossima sarà una giornata speciale per Walter, che incontrerà da avversario il 'suo' Napoli: "Sarà un'emozione, una cosa strana per me, con tutti gli amici, i parenti... Dopo tanti anni al Napoli sarà strano, ma bello".

Entrato in campo nel secondo tempo contro il Palermo, anche Yuto Nagatomo ha avuto un buon impatto sul match: "Tre giorni fa, durante l'allenamento, il tecnico mi ha avvisato di prepararmi bene per la partita ma non sapevo se sarei entrato a gara in corso. Dopo un mese abbiamo ottenuto una vittoria importante e adesso dobbiamo continuare così e sfruttare quest'onda".

Inevitabile parlare con il difensore nipponico del sorteggio della Confederations Cup, che vedrà il Giappone sfidare l'Italia: "Il girone è molto difficile, sono tutte grandi squadre quindi vogliamo provare a vincere. Non vedo l'ora di affrontare l'Italia, se ci fosse Cassano sarei molto contento".
 

Sullo stesso argomento