thumbnail Ciao,

Palermo battuto dall'Inter, Gasperini si toglie però qualche sassolino: "Sneijder un problema da due anni, l'arrivo di Palacio e la difesa a 3 mi hanno rivalutato..."

Secondo il tecnico rosanero, il Palermo ha fatto meglio: "Noi abbiamo creato parecchio, sono diverse le occasioni che abbiamo avuto. L'Inter è da scudetto".

Non è stato un ritorno fortunato quello di Gian Piero Gasperini a San Siro. Il tecnico del Palermo infatti, ha visto la sua squadra sfoderare una buona prestazione a Milano, alla fine però si è dovuta arrendere all'Inter.

Gasperini, intervistato ai microfoni di Sky, ha così commentato la partita: "Un punto non avrebbe cambiato di molto la nostra situazione, questa sconfitta fa dispiacere più che altro per il morale. Volevamo fare un bel risultato a San Siro ma non ci siamo riusciti pur avendo fatto bene. Faccio fatica a ricordare un tiro dell'Inter, loro hanno avuto poche occasioni, noi abbiamo dimostrato solidità".

Secondo il tecnico rosanero, il Palermo ha fatto meglio: "Noi abbiamo creato parecchio, sono diverse le occasioni che abbiamo avuto. C'erano gli spazi per far male all'Inter e noi abbiamo fatto quel che andava fatto. Peccato non esser riusciti a far punti contro una grande squadra, siamo mancati nell'ultimo passaggio, in trasferta bisogna invece essere cinici".

Gasperini ha anche parlato di quella che è stata la sua Inter: "Parliamo di una squadra da scudetto. I nerazzurri non hanno nulla da invidiare a nessuno. Il mio ritorno a San Siro? Io ho ancora un buon rapporto con tutti qui, purtroppo non c'è stato molto tempo per lavorare".

Il tecnico rosanero ha ancora qualche sassolino da togliersi parlando della sua ex squadra: "Sneijder è un problema che riguarda l'Inter già da qualche tempo. E' un problema che c'era lo scorso anno e anche due anni fa. E' un problema che riguarda la società e il calciatore. La mia esperienza è andata male, ma le vicende Palacio e Milito - oltre alla difesa a tre - mi hanno rivalutato. Io non ero venuto all'Inter per fare il replicante dei tecnici precedenti".

Sullo stesso argomento