thumbnail Ciao,

Aronica, che tornò a scusarsi con il giornalista qualche istante dopo: secondo quanto evidenziato dai testimoni Antonio Corrado era stato insultato e minacciato.

Erano gli inizi di ottobre 2012 quando fece scalpore, secondo le ricostruzioni dei vari media, Salvatore Aronica, difensore del Napoli, se la prese con un giornalista al termine della gara degli azzurri contro l'Udinese. Nessuna punizione per il centrale, come evidenzia la FIGC.

"Il Procuratore Federale, esaminati gli atti di indagine, ha disposto l’archiviazione del procedimento instaurato a seguito di notizie stampa ed avente ad oggetto la presunta aggressione da parte del calciatore del Napoli Salvatore Aronica ai danni di un giornalista" si legge sul sito ufficiale della Federazione italiana.

"Posta in essere all’interno dello stadio San Paolo di Napoli presumibilmente nella cosiddetta mixed-zone, al termine della gara del campionato di Serie A tra Napoli ed Udinese del 7 ottobre 2012, in quanto non sono emersi fatti di rilievo disciplinare a carico di soggetti tesserati".

Aronica, che tornò a scusarsi con il giornalista qualche istante dopo: secondo quanto evidenziato dai testimoni Antonio Corrado era stato insultato e minacciato dal giocatore di Mazzarri, per poi ricevere due schiaffi e una gomitata.

Sullo stesso argomento