thumbnail Ciao,

A margine della della cerimonia per il 50/o anniversario dell'Associazione Italiana Cultura e Sport Petrucci ha risposto a Zico sul Mondiale '82 ed elogiato Pirlo.

Per i tifosi italiani è una delle gare più importanti, e indimenticabili, della propria storia. Per Zico, invece, la vittoria dell'Italia sul Brasile nel 1982 è stato un "male per il calcio". Parole che non sono andate affatto giù al presidente del CONI Gianni Petrucci.

A margine della della cerimonia per il 50/o anniversario dell'Associazione Italiana Cultura e Sport (Aics) svoltasi nel Salone d'onore del Coni la risposta del numero uno dello sport italico non si è fatta attendere: "Sono patetici quelli che dicono che il nostro risultato non è meritato".

Poi la correzione parziale del tiro: "Non voglio fare polemica con Zico, perché è stato un grande e ha giocato anche in Italia, ma che si tirino fuori queste cose dopo anni mi dà tanta tristezza".

Ieri è stata la giornata del Pallone d'Oro, prima parte: finalisti Messi, Cristiano e Iniesta. Niente Pirlo, dunque: "Andrea meritava di stare nella terna dei finalisti per il Pallone d'Oro. Ne aveva tutto il diritto. Lui sta sempre lì, poi che sia terzo o quarto è un giudizio soggettivo. Non sono le tavole di Mosè".

Petrucci non pare starci affatto: "Pirlo oggi meriterebbe un grande riconoscimento, è sotto gli occhi di tutti per quello che ha fatto in Nazionale e nei club. Lo conosco da tanti anni e in ogni momento ha dimostrato sempre serietà, correttezza ed etica. Vale molto più questo riconoscimento degli italiani che entrare nella terna del Pallone d'Oro.

Scarsa considerazione a livello internazionale?
Noi siamo stati campioni del mondo due mondiali fa e siamo vice campioni d'Europa. Non credo in queste cose".

Sullo stesso argomento