thumbnail Ciao,

Il terzino del club abruzzese riconosce il valore dell'avversario, pronto a lottare per lo scudetto. D'altronde la classifica costringe il Pescara a non poter fare calcoli...

Dopo la difficile gara interna contro la Roma, un altro importante impegno aspetta il Pescara. Il 'Delfino', infatti, è atteso al San Paolo, dove troverà un Napoli rinvigorito dagli ultimi risultati positivi.

La squadra abbruzzese, però, non ha alcuna intenzione di fare da sola spettatrice, come rivela Francesco Modesto: "Non ci sentiamo vittime sacrificali, ci vuole rispetto - ha puntualizzato l'ex parmense in conferenza stampa - Sappiamo che il Napoli è una grandissima squadra che può ambire a vincere lo scudetto, ma se noi riusciremo a non commettere errori li metteremo in difficoltà".

A suo dire, quella partenopea è una squadra completa: "Punti deboli veri e propri non ne vedo, hanno quantità, qualità e fisicità ma penso comunque che potremmo creare problemi. Sono molto forti nelle ripartenze, noi non dovremo sfilacciarci e fare la nostra partita. Il Napoli non è solo Cavani. Il morale non è dei migliori, siamo ultimi anche se agganciati. Un po’ di preoccupazione c’è, ma dobbiamo lavorare e dare il massimo".

Sullo stesso argomento