thumbnail Ciao,

Il tecnico campano ha invitato il suo ex pupillo a metterci "quel qualcosa in più per diventare un grandissimo campione". Nessun pronostico sulla partita...

Per Giuseppe Sannino il match tra Siena e Roma avrà un sapore speciale. Sul fronte giallorosso c'è un giocatore che conosce molto bene e che l'anno scorso è riuscito a valorizzare, Mattia Destro.

"Mi aspetterei qualcosa di più da Destro perché Mattia ha grandissime qualità tecniche e lo dico perché gli voglio bene - le sue parole a 'ReteSport' - Vorrei che lui potesse fare un passo in più e capire che per diventare un grandissimo campione serve quel qualcosa in più, lui lo sa".

Quanto alla sua posizione, ecco il parere del tecnico campano: "Secondo me anche se gioca più defilato può comunque mettere in difficoltà la difesa avversaria. Questo è un discorso che ho già fatto a Mattia, per essere un attaccante completo deve saper capire tutti i movimenti che gli chiedono i suoi allenatori. Non ci fossilizziamo sull'idea che un giocatore possa giocare solo in una determinata posizione".

Sulla gara di Siena, meglio non fare pronostici, a suo avviso: "E' una partita da tripla per diversi motivi. Il Siena ultimamente sta facendo molto bene e la fase difensiva è la sua forza. Serse Cosmi poi è una garanzia, ma la Roma naturalmente ha più qualità e sulla carta non dovrebbe esserci partita. Sono però sfide particolari, anche lo scorso anno quando ero sulla panchina del Siena fu un bel match".

Infine l'ex tecnico del Palermo ha speso due parole per alcuni giocatori giallorossi: "Bradley è importantissimo per movimenti e tattica, Lamela si sta completando, Pjanic ha grandissime qualità, mentre chi mi ha davvero stupito è Osvaldo, un vero campione".

Sullo stesso argomento