thumbnail Ciao,

Il difensore si gode il 'magic moment' restando con i piedi per terra. E in ottica Nazionale precisa: "Per ora penso a fare bene in Under 21, se poi chiamasse Prandelli...".

All'indomani della grande vittoria contro la Juventus, il Milan ha potuto constatare la consacrazione di Mattia De Sciglio. Il terzino, giornata dopo giornata, si è preso il posto da titolare sull'out destro e non pare intenzionato più a mollarlo. Ma il giovane difensore, nonostante il 'magic moment', gestisce l'ascesa come un veterano.

"Cerco di fare le cose più semplici per poi provare cose più complicate, tutto è dettato dalla carica della partita - ha detto a 'Sky' - Non mi esalto molto facilmente per cui non ho problemi a restare con i piedi per terra dopo la vittoria contro la Juventus".

Parole 'dolci' anche per il tecnico che gli ha permesso di esplodere: "Ad Allegri devo tantissimo, mi sta dando tante opportunità per dimostrare il mio valore e che in questa squadra ci posso stare - ha evidenziato De Sciglio che parla anche di Pato ed El Shaarawy - Alexandre dobbiamo lasciarlo tranquillo, tornerà a fare ciò di cui è capace. Con Stephan mi ci trovo molto bene, anche lui non si è montato la testa".

Infine, ecco il pensiero del terzino in ottica Nazionale: "Penso a fare bene in Under 21, se poi dovesse arrivare la chiamata di Prandelli sarebbe una grande soddisfazione", ha concluso De Sciglio che per il momento appare concentrato esclusivamente sulla crescita in rossonero.

Sullo stesso argomento