thumbnail Ciao,

Il presidente dei rossazzurri chiama al pronto riscatto i suoi dopo il pesante ko subito nel derby. Contro i rossoneri sarà emergenza, out in quattro. Maran spera in Bergessio.

Il pesante ko subito nel derby di Palermo ha lasciato qualche strascico in casa Catania. Il match in programma venerdì sera al 'Massimino' contro il Milan potrebbe essere l'occasione giusta per rianimare l'ambiente rossazzurro.

A crederci è il presidente del Catania, Antonio Pulvirenti, che ha ammesso: "Non è stata una grande gara quella di Palermo, è vero, ma è anche vero che tale gara è stata condizionata da quel gol assai rocambolesco, frutto di due rimpalli, che abbiamo subìto dopo appena dieci minuti di gioco".

Quindi il patron degli etnei ha provato a spiegare la brutta prestazione dei suoi ragazzi: "Le gambe molli dei giocatori? Io credo che non fossero proprio gambe molli, piuttosto la grande voglia di fare bene in una partita a cui tutti storicamente teniamo. Siamo stati a un passo dal pareggiarla, potevamo tornare in gioco a più riprese dopo il due a zero e dopo il tre a zero, purtroppo le cose sono andate in maniera diversa e, alla fine, siamo tornati a casa a mani vuote".

E sulle scuse rivolte dai giocatori al pubblico catanese a fine partita spiega: "Diciamo che è stato un bel gesto, ma è stato pure un gesto che non ho condiviso. Uno deve scusarsi quando ha qualcosa da farsi perdonare, invece questi ragazzi sono usciti dal campo dopo avere dato tutto. Capitolo chiuso. Adesso pensiamo al riscatto contro il Milan".

In vista del match contro i rossoneri però per Maran si profila una vera e propria emergenza. Out Spolli e Gomez per squalifica, sono praticamente certi anche i forfait di Biagianti e Izco. Il tecnico rossazzurro spera almeno di riuscire a recuperare l'argentino Bergessio, in caso contrario toccherà ancora a uno tra Morimoto e Doukara prendere il suo posto al centro del tridente catanese.

Sullo stesso argomento