thumbnail Ciao,

Il rigore assegnato al Milan non va giù ad Alessio: "Cosa sarebbe successo se l'avessero dato alla Juventus?"

Il tecnico bianconero polemizza contro la decisione di Rizzoli, ma riconosce: "Non abbiamo giocato da squadra. Quagliarella? Non so cosa mi abbia detto".

Angelo Alessio lo sa benissimo: non è la vera Juve, quella che stasera ha prodotto poco o nulla di fronte a un Milan che in realtà ha fatto poco di più, ma ha beneficiato della serata di abulicità bianconera. Certo, però, che quel rigore fasullo pesa sull'andamento della gara.

"Cosa sarebbe successo se quel penalty l'avessero dato a noi, e avessimo vinto a San Siro con un episodio del genere?" chiede ironico nel dopo partita il vice allenatore bianconero, intervistato da 'Sky Sport'. Alessio, però, riconosce che la prestazione della Juve è stata da dimenticare.

"Non abbiamo giocato da squadra - afferma con onestà - La nostra organizzazione di gioco esalta il collettivo, e quando ciò accade i risultati si vedono. Sappiamo che dobbiamo migliorare e avere un atteggiamento differente da quello messo in mostra questa sera".

"Quando si gioca col Milan le energie di solito vengono da sole - continua - ma questa sera purtroppo non abbiamo giocato come ci si aspettava". Sugli improperi rivoltigli da Quagliarella: "Stavo guardando la partita, non so cosa mi abbia detto. Meglio lasciar stare...".


Sullo stesso argomento