thumbnail Ciao,

Il tecnico rossoblù ha spiegato come andrà affrontata la gara con gli azzurri: "Dovremmo rimanere freddi e lucidi - ha detto - e considerarla una partita come tutte le altre".

Domani per la prima volta il Cagliari, che affronterà il Napoli in uno dei posticipi della 14ª giornata di Serie A, potrà contare sull apporto di uno stadio di Is Arenas aperto in tutti i suoi settori ai tifosi. Il tecnico rossoblù, Ivo Pulga, nella conferenza stampa della vigilia, ha richiamato la squadra alla massima concentrazione, dopo il punto importante conquistato a San Siro contro l'Inter.

"Sarà ancora più difficile che con l'Inter - ha affermato - perché il Napoli ha più 'gamba' e più aggressività rispetto ai nerazzurri. Partiamo sfavoriti, servirà una grande prestazione per portare a casa un risultato importante".

Poter disporre dopo molto tempo sul tifo di tanti tifosi, potrà però dare ai sardi una marcia in più. "Lo stadio, finalmente aperto in tutti i settori, potrà darci una carica in più. - ha detto Pulga - Questa con il Napoli è una sfida particolarmente sentita qua in Sardegna, noi dovremmo rimanere freddi e lucidi e considerarla una partita come tutte le altre. Vietato farci prendere dall'entusiasmo o dalla voglia di strafare, sarebbe un atteggiamento controproducente".

Se i sardi dovranno fare a meno di Astori in difesa, i partenopei non avranno la loro punta di diamante, Edinson Cavani. "Le loro alternative sono di ottimo livello. - ha sottolineato Pulga - Tatticamente più o meno adoperano il nostro stesso modulo. Non ci aspetta un compito semplice. La nostra formazione? Sono certo che chiunque giocherà darà il 150 per cento sul campo".

Sullo stesso argomento