thumbnail Ciao,

3-1 dei rosanero nel derby contro il Catania, l'ad palermitano non rivedrà le sue scelte di mercato: "Rafforzeremo i settori maggiormente deboli. Pubblico straordinario".

Ha infuocato la vigilia, Pietro Lo Monaco. Tra serio e faceto, l'amministratore delegato del Palermo aveva parlato a lungo del suo ex Catania prima del derby di Sicilia, poi vinto dai rosanero per 3-1 grazie alla super prestazione di Josip Ilicic.

"Il derby l'abbiamo vinto prima di giocarlo, perchè il Catania non è mai entrato in partita. Noi li conoscevamo bene i nostri avversari e abbiamo fatto tutto quello che avevamo preparato vincendo la partita in ogni settore del campo" le parole a 'Itasportpress'.

Sembrerebbe una vittoria che vale doppio per il diretto interessato, ma il dirigente preferisce non ammetterlo direttamente... "Non ho gioito per aver battuto il Catania, ma per i tre punti che ci fanno risalire in classifica. Abbiamo lavorato bene in settimana e abbiamo incassato il giusto premio battendo nettamente il Barcellona".

Segue una risata: "Può capitare anche alle grandi squadre un passo falso.
Io sono convinto che il Palermo è una buona squadra e meritavamo di più col Milan, col Torino e col Siena. Abbiamo fatto male con la Roma e con il Bologna".

Si parla anche di mercato e tifo: "La vittoria però non cambia le nostre strategie, rafforzeremo a gennaio i settori maggiormente deboli. Pubblico straordinario, per la prima volta ho visto il grande attaccamento dei tifosi palermitani. La mia partita? E' durata come al solito quarantacinque minuti. Dopo sono andato via come facevo a Catania".

Sullo stesso argomento