thumbnail Ciao,

Una situazione strana, mai vista. Allegri ha recepito il messaggio, sa che il suo presidente si è stufato dei risultati. E anzi, lo ha evidenziato in mondovisione.

Un contratto fino al 30 giugno 2014 che potrebbe saltare prima del previsto. Ormai lo sanno anche i muri. Sopratutto se il presidente in questione dichiara apertamente (a dir poco) di voler provare a tutti i costi l'ingaggio di Pep Guardiola. E Max Allegri non può che prenderla in maniera amara, a casa Milan.

Silvio Berlusconi, ieri, ha evidenziato di stare provando ad ingaggiare l'ex tecnico del Barcellona, nonostate l'attuale allenatore. Un duro colpo per il livronese che siede sulla panchina del Diavolo, sentitosi tradito e amareggiato.

"Non voglio e non posso decidere chi sarà l'allenatore del Milan" ha evidenziato l'ex Cagliari in conferenza stampa. "Cosa mi ha detto esattamente Berlusconi? Non parlo di ciò che ci diciamo io e il presidente". Allegri grlissa, imbarazzato: "Non rispondo a domande sul prossimo allenatore perchè non ho argomenti per farlo".

Una situazione strana, mai vista. Allegri ha recepito il messaggio, sa che il suo presidente si è stufato dei risultati. E anzi, lo ha evidenziato, senza troppi giri di parole, in mondovisione. Nervoso, come ovvio, il tecnico rossonero: Berlusconi gli ha confessato di voler a tutti i costi Pep, il migliore sulla piazza.

Scatta ora la fiducia a tempo, un count-down che si rivelerà tale al prossimo passo falso del tecnico: se arriverà una nuova delusione in campionato e in Champions il presidente confemerà l'addio in estate. Con il colpo catalano già in canna.

Sullo stesso argomento