thumbnail Ciao,

Domani arriva la Juve, Allegri avverte: "Sfideremo la squadra più forte". E poi bacchetta Pato: "Deve avere pazienza per tornare quello di un tempo"

L'allenatore del Milan ha parlato del big-match in programma domani: "Affrontiamo la squadra più forte del campionato. Pato? Deve avere pazienza". Robinho potrebbe partire dal 1'.

E' una vigilia fondamentale questa per il Milan. La compagine rossonera infatti, ospiterà la Juventus a San Siro per il big match della quattordicesima giornata di campionato. I rossoneri, devono non solo confermare quanto di buono fatto vedere nelle ultime uscite, ma devono soprattutto mettere in cascina punti importanti.

Massimiliano Allegri, ha così presentato il match nella consueta conferenza della vigilia: "Affrontiamo la squadra che è in testa alla classifica, quella che ha vinto l'ultimo campionato. Loro hanno ottimi giocatori e sono ben messi in campo, hanno grande autostima e a noi servirà un'ottima partita per fare risultato. Sappiamo che andiamo a sfidare la squadra più forte".

Il tecnico rossonero non ha svelato la formazione: "E' possibile che ci sia qualche cambio rispetto alle ultime uscite, qualcuno dei nostri giocatori potrebbe esser stanco dopo gli ultimi impegni. A centrocampo cambierò qualcosa e De Jong giocherà, farò le mie valutazioni entro domattina, speriamo che vada bene. Mexes e Constant? Sono recuperati".

Il Milan sembra dover fare i conti con il caso Pato: "Il suo è stato uno sfogo a caldo, deve solo capire che serve pazienza per tornare quello di un tempo. E' prematuro parlare di una sua partenza, pensiamo solo al campionato adesso. So che vuole giocare e gli ho parlato, ho detto lui che deve avere pazienzadeve capire che tornerà ad essere importante quando sarà in condizione. Robinho? Potrebbe giocare titolare domani".

A Milanello si è rivisto oggi Silvio Berlusconi: "Lui sa sempre usare le parole giuste, è un personaggio molto carismatico. Le sue parole su Guardiola? Non è un mio problema, io penso solo alla gara di domani, non spetta a me decidere chi sarà il prossimo allenatore del Milan".

Allegri non ha studiato nulla di particolare per Pirlo: "Non l'abbiamo marcato a uomo l'anno scorso e non lo faremo domani, servirà un'attenzione particolare ma non un uomo ad hoc. Speriamo di fare una bella partita, spiace essere in questa posizione di classifica e i tre punti regalerebbero non solo punti importanti ma anche autostima e un pizzico di entusiasmo in più".

Domani sulla panchina della Juve non ci sarà Conte: "Se la cosa ha pesato sulla Juve? Non credo proprio visto che hanno 32 punti. Col Chelsea hanno fatto benissimo, credo che sia stata più che altro una sofferenza per lui non poter andare in panchina".

Nella scorsa stagione Milan-Juve fu la gara del goal non dato a Muntari: "Non ne vale la pena parlarne, l'hanno già fatto in tutto il mondo. Da allora sono cambiate molte cose, compreso tredici giocatori. Diciamo che è una cosa che racconterò ai miei nipoti. L'arbitro di domani? Spero di vedere bei voti per lui sul giornale di lunedì".

Sullo stesso argomento