thumbnail Ciao,

Il centrocampista cileno è pronto a mettere tutta la sua grinta sul prato di San Siro, ma occhio anche ai suoi goal: "Nove sono già tanti, l'importante è che vinca la squadra".

E' diventanto il perno insostituibile della Juventus di Conte. L'uomo ovunque, tutto corsa e grinta. L'uomo goal, visto che quest'anno sono già nove in stagione. Arturo Vidal è l'idolo indiscusso dei tifosi juventini, uno spauracchio per il Milan che affronterà domenica sera a San Siro.

Come battere i rossoneri? Arturo ha già pronti i tre ingredienti per la ricetta vincente: "Testa, cuore e gambe. Dopo la partita contro l’Inter siamo tornati a fare quello che facevamo l’anno scorso, con quella pressione e quella cattiveria che abbiamo avuto per tutta la stagione passata", le parole del cileno riportate da 'Tuttosport'.

La vittoria sul Chelsea, secondo Vidal, non ha fatto altro che confermare una cosa: "Siamo una squadra forte sia in Italia che in Europa". E se a San Siro, dove l'anno scorso si è beccato un'espulsione, arrivase anche il decimo goal sarebbe perfetto..."Sono felice per i tanti gol. Non pensavo di raggiungere quota nove a questo punto, ma non conto e non contano i miei gol. L’unica cosa che conta è che la squadra vinca".

In Cile non si capacitano del perchè il giocatore fantastico ammirato nella Juve, diventi falloso ed inguardabile con la propria nazionale. Dopo il goal al Chelsea ha zittito i critici cileni, mentre nel post-partita ha chiarito il motivo dello 'sdoppiamento di personalità': "E’ impossibile essere tristi qui. Sono felice di vestire questa maglia e stare tra questi tifosi".

Sullo stesso argomento