thumbnail Ciao,

L'ad del Catania chiaro sulla nuova ripartizione dei milioni provenienti dalle tv: "Si e' trovato un compromesso che consente a tutti di rimanere allo stesso tavolo".

Nessuno contento. Dopo la decisione e l'approvazione della questione sui diritti tv, è Sergio Gasparin, amministratore delegato del Catania, ad evidenziare come la nuova torta da dividere non abbia accontentato anima, dirigenziale, viva.

"Dopo il confronto ampio e' arrivata una soluzione che scontenta un po' tutt. Tutti scontenti, quindi direi che va bene" ha affermato il modo sarcastico il dirigente del club etneo. "Noi medio piccole riteniamo che avremmo dovuto prendere qualcosa di più. Le grandi avrebbero voluto una fetta della torta ancora più grande".

"Quindi si e' trovato un compromesso che consente a tutti di rimanere allo stesso tavolo" ha continuato. La nuova ripartizione prevede una caterva di milioni per la Juventus, prima della lista, fino ad arrivare ai fanlini di cosa Chievo e Siena.

Gasparin ha parlato anche di riforma della Lega Pro: "Dovremmo andare verso una direzione che porti a ridurre il numero delle squadre professionistiche perchè in Italia sono tante. Il processo di rivoluzione della Serie A e' piu' complicato. Le societa' piu' grandi vogliono un girone con meno formazioni, ma il percorso e' molto complicato e lungo".

Sullo stesso argomento