thumbnail Ciao,

La società nerazzurra ha accolto con enorme disappunto le decisioni del Giudice Sportivo. Si punta allo sconto per il barese, alla cancellazione della squalifica per il tecnico.

Il Giudice sportivo Tosel ha deciso, stangata sull'Inter: il tecnico nerazzurro Stramaccioni non potrà così sedere in panchina nella delicata trasferta di Parma, per Cassano saranno addirittura due i turni di stop. La società di via Durini però non ci sta, e furiosa ha presentato immediato ricorso.

L'obiettivo è la cancellazione della squalifica al tecnico, ritenuta immotivata, e lo sconto di una giornata per il barese. I fatti si riferiscono al rovente finale di Inter-Cagliari. Cassano paga le frasi ingiuriose rivolte all'indirizzo dell'arbitro Giacomelli al rientro negli spogliatoi.

La società nerazzurra proverà a derubricare il tutto ad una semplice esclamazione colorita da parte di FantAntonio, i cui intenti però non sarebbero stati lesivi nei confronti del direttore di gara. In via Durini stupisce ancora di più il turno di stop a Stramaccioni, dato che il tecnico a fine gara avrebbe chiarito serenamente la propria posizione con l'arbitro nella pancia di 'San Siro', e non risultato ai legali nerazzurri frasi ingiuriose dell'allenatore nei confronti dei giudici di gara.

L'Inter continua a sentirsi oggetto di un ingiustificato accanimento, senzazione confermata dai differenti pesi utilizzati anche dalla giustizia sportiva in casi simili. Senza dimenticare i ripetuti torti arbitrali subiti nelle ultime tre gare, come ripetuto domenica dal presidente nerazzurro Moratti, guarda caso proprio nel momento in cui gli Strama-boys sembravano pronti per l'assalto alla vetta della classifica.

Sullo stesso argomento