thumbnail Ciao,

Pescara già al primo bivio stagionale. In panchina, fuori Stroppa dentro Bergodi. Il presidente Sebastiani è sicuro: "Il nuovo tecninco è serio e preprarato, farà bene"

Una scossa, nuovo entusiamo, un nuovo metodo di lavoro. Il presidente del Pescara Daniele Sebastiani era alla ricerca di questo e molto altro, dopo aver preso la decisione di esonerare Giovanni Stroppa dopo gli undici punti raccolti in tredici incontri, in questo campionato.

La scelta è ricaduta sull'ex tecnico del Modena Cristiano Bergodi ed ora con lui si potrà ripartire con nuovi stimoli: "Bergodi ci è piaciuto subito - ha dichiarato il presidente - e al di là della conoscenza personale posso dire che è un ragazzo molto serio e preparato".

Bergodi, che ha limitato nelle file biancoazzurre come calciatore fra il 1984 e il 1989, esordirà domenica nel match casalingo contro la Roma. E in una sfida del genere quello che servirà sarà subito l'attaggiamento aggressivo da parte della squadra. Atteggiamento che dovrà arrivare innazitutto dal nuovo coach.

"Abbiamo parlato con lui per due ore - afferma Sebastiani - e ci siamo trovati subito d'accordo su tutti i fronti. Abbiamo bisogno di nuovo entusiamo e con lui riusciremo a trovarlo. Cristiano però ci è piaciuto subito, al di là della conoscenza personale, è un ragazzo molto serio e preparato. Abbiamo parlato due ore sui programmi e ci siamo trovati subito. Abbiamo bisogno di un nuovo entusiasmo e con lui riusciremo a trovarlo".

Sullo stesso argomento