thumbnail Ciao,

Il tredicesimo turno di Serie A si è chiuso con l'ennesima polemica arbitrale. Fa molto discutere il rigore assegnato ai giallorossi in Roma-Torino.

Non poteva non chiudersi con un episodio dubbio la tredicesima giornata di Serie A. Dopo una domenica nella quale sono divampate moltissime polemiche relative ad alcune decisioni arbitrali, Roma-Torino ha regalato l'ennesimo episodio da moviola.

Si tratta ovviamente del rigore concesso alla Roma per un presunto fallo di Ogbonna e D'Ambrosio su Marquinho. L'episodio ha mandato su tutte le furie i giocatori granata e soprattutto Ventura che, dopo aver gridato "Vergogna!" a favore di telecamera, è stato espulso qualche minuto dopo per intemperanze.

A suggerire all'arbitro Guida di fischiare il calcio di rigore è il giudice di porta Calvarese, un fischietto che, come ricordato da Tuttosport, in casa granata non rievoca buone sensazioni. Fu lui infatti a dirigere Padova-Torino nella scorsa stagione, un match interrotto quando per un problema tecnico calò il buio sull'Euganeo ma che i patavini riuscirono comunque a vincere nei tribunali sportivi.

La sua decisione di ieri ha mandato su tutte le furie i giocatori granata, con Glik che a fine partita ha così commentato l'accaduto: "Il rigore della Roma non c'era, siamo incazzati. Conosciamo bene Calvarese, è lui che ha fatto cambiare idea all'arbitro".

Più pacato, ma altrettanto deciso Santana: "Senza quel rigore inventato la Roma non avrebbe mai segnato".

Sullo stesso argomento