thumbnail Ciao,

Il tecnico biancazzurro chiama a raccolta i suoi e avverte: "Sarà uno scontro diretto, perchè il Siena è dietro di noi in classifica, anche se non sarà già determinante".

L'1-6 subìto in casa contro la Juventus brucia ancora, ma ora il Pescara dovrà dimostrare ai propri tifosi di avere carattere e personalità. E' questo che Giovanni Stroppa chiede ai suoi, in previsione della sfida di domani contro il Siena. "Si tratta di una partita importante, ma non credo possa essere già decisiva", è il pensiero del tecnico biancazzurro, espresso nella consueta conferenza pregara.

"E' importante perché il Siena è dietro di noi e perché è uno scontro diretto", chiarisce Stroppa, che naturalmente non si accontenterà di un risultato positivo se rimarrà isolato. "Vincere e poi non fare ancora bene, servirebbe a poco. Anche quello che accadrà dopo la gara di Siena sarà importante. Bisogna dare continuità".

Si gioca per la salvezza, obiettivo per il quale, secondo il mister, basteranno i proverbiali "40 punti. Credo che a questa quota ci potrebbe essere la permanenza in A".

Stroppa ha poi elogiato il collega Cosmi: "Ha sempre dimostrato il suo valore e dato l'identità alle squadre che ha allenato. La penalizzazione ha dato al Siena una forza interiore importante. Non dico che è meglio partire con la penalizzazione, ma è servita per compattare il gruppo".

Sullo stesso argomento