thumbnail Ciao,

Liu Yongzhuo, presidente del Guangzhou Evergrande, entrerà in società per conto del magnate Xu Jiayin. Ma Raiola frena sull'attaccante: "Il City non vuole cederlo".

La Cina è vicina. E può mutare i destini del Milan. La Cina, in questo caso, ha il volto di Liu Yongzhuo, presidente del Guangzhou Evergrande e nuovo partner della società rossonera per conto del magnate Xu Jiayin, il suo proprietario. Per presentarsi ai tifosi milanisti, l'investitore ha un colpo in canna: Mario Balotelli.

Liu Yongzhuo, come riporta il 'Corriere dello Sport', sarà ospite del Milan a inizio dicembre. Secondo il quotidiano romano (e finora non sono arrivare smentite da Via Turati), sarà socio di Silvio Berlusconi, ma l'obiettivo a lungo termine è quello di prendere il suo posto alla guida del club rossonero. Intanto, l'arrivo dal City di Balotelli gli permetterebbe di acquisire credibilità e rispetto.

A frenare gli entusiasmi, semmai, sono le dichiarazioni rilasciate a 'Mediaset Premium' dall'agente del giocatore, Mino Raiola: "E' impossibile immaginare Balotelli in perstito in Italia. Il City vuole tenerlo, e nessun club italiano potrebbe permetterselo. Figuriamoci se gli inglesi lo cedono in prestito".

Non resta insomma che attendere gennaio per capire come si evolverà la situazione. Intanto, però, a Xu Jiayin le credenziali non mancano: ha un patrimonio da 6 miliardi di dollari, per un periodo è stato l'uomo più ricco della Cina, è presidente di una delle 10 maggiori immobiliari del Paese ed è amico di Florentino Perez. Il Milan già sogna.

Sullo stesso argomento