thumbnail Ciao,

Reo di aver condotto un mercato estivo non all'altezza, il presidente Guaraldi è stato protagonista negli ultimi giorni di forti contestazioni da parte del tifo bolognese

Tira una brutta aria a Bologna. La classifica è quella che è, la squadra pare non avere la stessa voglia e determinazione della passata stagione e in più il presidente Albano Guaraldi è ormai mal sopportato dalla tifoseria, che da tempo lo invita a farsi da parte invocando un ritorno di Massimo Zanetti.

19 mesi di presidenza ben gestiti, ma a lasciare perplessi è l'ultimo calciomercato che ha portato via da Casteldebole giocatori del calibro di Gillet, Raggi, Mudingayi e soprattutto Gaston Ramirez, tutti mal sostituiti finora da chi è arrivato.

Cessioni che hanno contribuito a deprimere una piazza che si sente presa in giro, avendo capito che se non ci sarà un'immediata inversione di rotta il discorso salvezza potrebbe farsi molto complicato.

Nella conferenza stampa di martedì, il presidente rossoblù aveva provato a portare un pò di serenità all'ambiente, ribadendo la fiducia incondizionata nell'allenatore Pioli ("ci salveremo o retrocederemo con lui") e promettendo rinforzi nel mercato di gennaio. Parole che non sono bastate a risanare il rapporto con la tifoseria, arrivato ai minimi storici.

Sullo stesso argomento