thumbnail Ciao,

Kozak è andato a segno in Europa League, ma in campionato non ha spazio: "So bene che in Italia non è facile giocare con continuità. Del resto sono uno dei più giovani...".

Non è sceso in campo per colpa della sfortuna, ma Libor Kozak ha potuto comunque partecipare alla festa della Lazio dopo la vittoria contro la Roma, nel derby. 3-2 dei biancocelesti nella stracittadina della capitale, la gara più importante dell'anno.

"Sapevo che Miro Klose sarebbe partito dall’inizio. Dovevo entrare a partita in corso, poi Candreva si è fatto male e sono finiti i cambi" ha confessato l'attaccante alla stampa del suo paese. "La vittoria del derby significa tanto per i nostri tifosi, è come giocare una finale di Champions. Ora c’è la Juventus, grande partita. Speriamo di ripeterci".

Kozak è andato a segno in Europa League, ma in campionato non ha spazio: "So bene che in Italia non è facile giocare con continuità, quando segni un goal non sei certo di avere il posto garantito per la partita successiva. Sono uno dei più giovani della squadra".

Petkovic preferisce diversamente: "Utilizza giocatori con più esperienza, ma forse nella gara contro il Panathinaikos ho dimostrato al mister di poter giocare di più. Ho cominciato a giocare poco dalla sconfitta con il Genoa, ma in quella partita tutta la squadra ha fatto fatica".

Sullo stesso argomento