thumbnail Ciao,

L'attaccante brasiliano dà ragione ai tifosi, delusi per l'andamento del Milan, ma promette un'immediata riscossa, già a partire dal match di sabato col Napoli.

"Chi sostiene che ho paura non mi conosce: l'unica volta che ho avuto paura è quando a dieci anni ho rischiato di perdere un braccio". Alexandre Pato è pronto a voltare pagina dopo il rigore fallito contro la Fiorentina. Da parte dell'attaccante del Milan c'è tutta l'intenzione di archiviare il ko e tornare quanto prima a gioire.

"Sono dispiaciuto per rigore e sconfitta, ma non posso dire di non aver messo il 100% in quel tiro, in allenamento mi esercito sempre per farlo - le parole del brasiliano a 'Milan Channel' - Sbagliare dal dischetto non è il massimo, ma sono un rigorista e non ho nessuna paura di sbagliare: se dovesse capitare contro il Napoli, non mi tirerei indietro, potrei provare di nuovo a calciare e magari segnare".

La squadra, a suo giudizio, è in crescita, nonostante l'ennesimo ko: "Stiamo crescendo, ora pensiamo a vincere sabato, sarà una partita molto importante per noi. I fischi dei tifosi? Impossibile non sentirli, ma io sono d'accordo con loro, sono abituati ai grandi successi".

Dopo tanti infortuni, per il 'Papero' l'obiettivo principale è ritrovate la continuità: "Se sto tornando? Ma io non sono mai andato via, ho sempre lavorato duro, sarò al 100% quando tutto andrà bene. Fisicamente sono recuperato, e ora penso soltanto a giocare in questa bellissima squadra, con tifosi fantastici. L'episodio dell'aggressione? Falso, non capisco perchè scrivere cose che non sono mai successe".

Si passa poi ad analizzare la questione modulo: "Stiamo cercando di trovare quello più adatto a noi, forse ci manca un po' di continuità, ma sono fiducioso sui nostri progressi, presto torneremo a vincere titoli, riportando i tifosi dalla nostra parte. Al San Paolo servirà tanta cattiveria, cercheremo di prendere i tre punti".

Sullo stesso argomento