thumbnail Ciao,

Dal ritiro dell'Olanda, che domani sfiderà la Germania, l'ex Ajax analizza il momento milanista: "Il ko con la Fiorentina è stato un duro colpo. Voglio diventare decisivo".

"Siamo tornati al punto di partenza". Non usa giri di parole Urby Emanuelson per descrivere il momento complicato del Milan, battuto in casa dalla Fiorentina e di nuovo in mezzo alle polemiche. Convocato nella nazionale olandese, il centrocampista rossonero esprime le proprie preoccupazioni ai media locali.

"Stiamo vivendo una situazione difficile - dice al sito 'FCUpdate.nl' - Dopo un periodo difficile sembrava che stessimo mostrando qualcosa di meglio, e invece la sconfitta con la Fiorentina ci ha fatto tornare al punto di partenza. Per la squadra è stato un duro colpo, un impatto tremendo".

Poi, ecco una frecciatina verso Allegri. "Non abbiamo una base solida: tre o quattro giocano sempre, gli altri ruotano. Anche se io non sono tra questi ultimi. Ho giocato molto e sono contento, perché ho bisogno di farmi vedere. Per me il prossimo passo è quello di essere più decisivo per la squadra".

Una battuta, infine, sull'amichevole che domani l'Olanda disputerà contro la Germania. "E' bello essere di nuovo in nazionale - dice Emanuelson - La partita coi tedeschi è importante, perché loro sono tra i più forti al mondo. Van Gaal vuole provare qualcosa di nuovo e io spero di giocare, sarebbe bello".

Sullo stesso argomento