thumbnail Ciao,

Il club azzurro ha diffuso un comunicato per chiarire la propria posizione sulla questione maxischermi. Nuova polemica, dunque, contro il Comune del capoluogo campano.

Nuova puntata della querelle tra il Napoli e il Comune sullo stadio 'San Paolo'. L'oggetto del contendere, stavolta, è costituito dai maxischermi: secondo l'assessore allo sport Tommasielli, il club azzurro avrebbe già ricevuto l'autorizzazione per il montaggio degli stessi, ma vi avrebbe rinunciato "per non perdere posti da porre in vendita", come si sottolinea, in maniera critica, nel comunicato diffuso oggi dallo stesso Napoli per chiarire la propria posizione sulla vicenda.

"A seguito delle dichiarazioni dell'assessore allo sport del Comune di Napoli, dottoressa Giuseppina Tommasielli, nel corso di una trasmissione televisiva andata in onda lunedi 12 novembre, secondo le quali il Comune di Napoli avrebbe fornito formale autorizzazione a montare i maxi schermi nello stadio San Paolo, mentre il Calcio Napoli vi avrebbe rinunciato per non perdere posti da porre in vendita, la SSC Napoli dichiara di non aver mai ricevuto dal Comune di Napoli la necessaria autorizzazione a montare i suddetti maxi schermi, pur avendo presentato la richiesta, corredata di ogni dettaglio tecnico, nel marzo 2011".

"Nella richiesta di autorizzazione - si legge ancora - la SSC Napoli ha chiesto di poter installare i maxi schermi sul terzo anello, settore inibito da anni alle vendite. Per questo motivo, non si comprende come l'assessore Tommasielli possa affermare che la SSC Napoli non avrebbe interesse a montarli, perchè perderebbe dei posti destinati alla vendita".

Nella parte finale del comunicato, la società sottolinea inoltre di aver "provveduto a propria cura e spese all'installazione di led luminosi di ultimissima generazione sugli spalti nei settore distinti e Posillipo, per consentire agli utenti dello stadio di fruire di informazioni utili, quali l'orologio, i risultati da altri campi e informazioni sulla viabilità, che saranno disponibili da sabato 17 novembre".

Allo stadio 'San Paolo' è stata concessa di recente dall'Uefa la piena agibilità. In occasione del recente match di Europa League contro il Dnipro, tutti i settori sono stati aperti al pubblico, dopo che sono stati effettuati i lavori di ristrutturazione richiesti dal massimo organismo calcistico europeo.

Sullo stesso argomento