thumbnail Ciao,

Dopo la doppietta di domenica, l'argentino scala posti nelle gerarchie di Gasperini. Intanto la società pensa al mercato di gennaio sia in entrata sia in uscita.

La doppietta di Dybala, che si è infine sbloccato domenica contro la Sampdoria ha tranquillizzato l’ambiente rosanero. Il Palermo di Gasperini non è fuori dalla zona retrocessione, ma può guardare con maggiore serenità al futuro, anche se permane la necessità di operare con intelligenza ed attenzione sul mercato di gennaio per trovare almeno un rinforzo in ogni reparto. Lo Monaco è perfettamente conscio che il Palermo odierno, pur giocando un buon calcio, ottiene risultati solo in base alla vena di giornata di un paio di giocatori chiave. Per questo motivo, secondo quanto riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport, la società rosanero sta sondando il mercato per trovare giocatori già abituati alla serie A che permettano alla squadra quel salto di qualità ritenuto necessario per navigare in acque più tranquille.

Si sa che l’usato sicuro, in ambito calcistico, non sempre può essere coniugato con il risparmio economico. Anche Zamparini ne è consapevole ed infatti l’ingaggio elevato è l’ostacolo di fronte al primo rinforzo individuato: il laziale di lungo corso Francelino Matuzalem, trentaduenne brasiliano che, ad oggi, non rientra nei piani di Petkovic e Lotito.  Per uno che può entrare, pare esserci uno che sta per uscire. Arevalo Rios, il nazionale uruguagio da annoverarsi tra gli acquisti eccellenti del mercato estivo dei palermitani, sembra non si stia integrando al meglio nel modulo di Gasperini, tanto che domenica gli è stato preferito Kurtic. Si segnalano già alcuni interessamenti da team sudamericani e messicani per uno dei protagonisti del quarto posto uruguaiano a Sudafrica 2010, che potrebbe quindi lasciare i rosanero a soli cinque mesi dal suo arrivo alla Favorita.

Se da una parte si stanno gettando le basi per il mercato di riparazione, dall’altra ci si gode il gioiello argentino che con una splendida doppietta ha regalato la vittoria ai rosanero nel lunch match di domenica contro la Samp. Dybala ha già battuto un record: è diventato il più giovane rosanero a realizzare una doppietta in serie A. A diciannove anni ancora da compiere (il prossimo 15 novembre ndr), Paulo è un progetto di campione che in società nessuno vuole caricare di eccessive responsabilità, nonostante si intravedano in lui la personalità e le qualità tecniche del campione. Gasperini infatti dovrà aiutarlo a limitare le inevitabili ingenuità, così come sarà necessario garantire al ragazzo una crescita fisica che non sacrifichi la rapidità di esecuzione che pare essere un potenziale marchio di fabbrica del giovane talento di Laguna Larga.

Gasperini è consapevole di avere fra le mani un diamante ancora da sgrezzare, che tuttavia potrà tornargli molto utile vista la lunga assenza di Hernandez ed un Miccoli non sempre al meglio: “Volete sapere se Paulo può convivere con Miccoli? Vi rispondo dicendo che per adesso non voglio toccare il modulo che ci ha dato certe sicurezze e certi risultati. Credo che Dybala sia un’alternativa di grande valore e questo non può che rendermi felice. Ripeto: anche chi non parte dall’inizio per me è un titolare e può rivelarsi fondamentale per la squadra”.

Ovvero Gasperini andrà avanti a giocare con una punta centrale e due trequartisti alternando davanti Dybala e Miccoli, che ha ancora qualche problema fisico e potrebbe rientrare solo col Catania.

Sullo stesso argomento